“Peptidi derivati ​​dal veleno come strumenti farmacologici”

Azione del peptide della tossina dello scorpione a livello della subunità del canale ionico Questa revisione classifica le azioni validate funzionalmente di neuro-peptidi di Scorpione di Scorpione definiti (SCTX) attraverso sottoclassi di canali ionici, evidenziando le tendenze chiave in questo campo in rapida evoluzione. L’inversione dello scorpione è un evento comune in molti paesi tropicali e subtropicali, con azioni neurofarmacologiche, in particolare la modulazione del sistema nervoso autonomo, che causa una mortalità significativa. I principali agenti attivi all’interno dei veleni dello scorpione sono un gruppo eterogeneo di piccoli neuro-peptidi che provocano azioni potenti specifiche su un’ampia gamma di classi di canali ionici. L’identificazione e la caratterizzazione funzionale diquesti peptidi SCTX hanno un enorme potenziale per lo sviluppo di nuovi farmaci che migliorano la conoscenza dei canali ionici e stabiliscono composti di piombo per il trattamento di disordini tissutali eccitabili. Questa recensione delinea le specificità uniche di 320 singoli peptidi SCTX che agiscono collettivamente su sottoclassi di 41 canali ionici. Quindi il campo di ricerca SCTX ha implicazioni traslazionali significative per la fisiopatologia che abbraccia la neurotrasmissione, la segnalazione neuroumorale, i sistemi senso-motori e l’accoppiamento eccitazione-contrazione.

Leggi l’articolo completo del mensile di informazione scientifica “ELSEVIER”:https://associazioneamon.it/wp-content/uploads/2019/02/4668520Housley20et20al202017.pdf