Il veleno del Junceus Rhopalurus una specie endemica a Cuba, è una tossina che agisce su tumori e metastasi.

Gli scienziati hanno confermato in vitro e in animali ,il potenziale anticancro del veleno dello scorpione .

Il team di ricerca Labiofam propone di avviare la sperimentazione clinica da estratto naturale per scoprire che l’effetto è riscontrabile in pazienti umani affetti da tumori maligni

Clara Huacuja e Gerardo Arreola

Martedì 5 Ottobre 2010

L’Avana, 4 ottobre. Una ricerca in vitro e su animali hanno confermato che il veleno dello scorpione junceus Rhopalurus, un razza endemica di Cuba, ha proprietà anticancro, agisce contro i tumori e le metastasi e aumenta il potere di agenti chemioterapici tradizionali, riducendone il suo effetto tossico.

Il team di ricerca biofarmaceutica ,il Business Group Labiofam di Cuba ha reso noto per la prima volta in pubblico alcuni risultati sperimentali dello studio svolto da circa 10 anni insieme ad altre istituzioni scientifiche della Repubblica di Cuba.

Lo scienziato Alexis Diaz, ricercatore principale della squadra, ha annunciato ad un pubblico internazionale che la tossina rappresenta una potenziale alternativa terapeutica per il trattamento della malattia neoplastica “negli esseri umani.

Diaz ha detto a La Jornada, che il salto dallo stato attuale della ricerca alla produzione di un farmaco sintetico può ancora durare anni. “Dobbiamo concentrarci su questi esperimenti, che sono stati valutate con l’estratto naturale. Ora dobbiamo verificare ciascuno dei principi attivi individuati. E ‘un compito molto complesso, anche se fatto in collaborazione con laboratori di primo piano. Inoltre, ottenuto tramite sintetizzazione , cioè l’ingegneria genetica e biotecnologia, sarebbe un prodotto che avrà un iter di registrazione di gran lunga maggiore al tempo richiesto per valutare un prodotto naturale “.

Tuttavia, lo specialista ha riferito che il team sta cercando di sperimentare clinicamente l’estratto naturale, per provare che l’effetto antitumorale possa essere confermato nei pazienti con neoplasie umane.

Le relazioni sugli studi sono stati rilasciati nel corso del primo Congresso Internazionale Labiofam 2010, che ha avuto luogo dal 28 settembre a ottobre a L’Avana, organizzato dal gruppo di business e sponsorizzato dalla Pan American Health Organization (OPS), il ministero cubano di Agricoltura, Scienze, Tecnologia e Ambiente e la sanità pubblica e Istituto di Medicina Tropicale Pedro Kourí (IPK).

Diaz ha stimato che l’autorizzazione per la sperimentazione clinica potrebbe accadere il prossimo anno. Questa decisione appartiene al corpo cubano di regolamentazione, il Centro nazionale per il controllo della droga (CECMA).

Durante la conferenza, è insorta una controversia circa l’opportunità di utilizzare per la sperimentazione clinica la tossina completa o lavorare con alcuni dei componenti identificati con effetti anti-cancro.

Diaz ha detto che il team lavora con tutto il veleno “, che ha una componente analgesico potente come l’anti-tumorale e anti-infiammatori e in pratica è difficile combinare ciò che è già unito dalla natura”.

Oltre a condurre la ricerca, la Labiofam consegna gratuitamente il veleno diluito malati di cancro che ne fanno richiesta, a causa delle notizie diffuse che sono nellla letteratura sugli effetti della tossina nel miglioramento della qualità della vita dei pazienti.

L’allevamento degli scorpioni in Labiofam non è sufficiente per soddisfare la domanda spontanea, ha detto al Congresso il direttore del consorzio del governo, Jose Antonio Fraga Castro. “L’unico modo per la fornitura per rispondere a tale domanda è la produzione industriale”.

L’azione antitumorale è stata una nuova linea di lavoro e ricerca nel corso dell’inchiesta, dopo aver confermato le proprietà analgesiche e anti-infiammatorie del veleno.

La tossina di questa specie è usata nella medicina tradizionale a Cuba per due secoli, ma la sua applicazione antineoplastica è iniziata circa 20 anni nella provincia orientale di Guantanamo, guidata dal compianto biologo Misael Bordier.

L’inchiesta ha coinvolto anche le IPK, l’Istituto Nazionale di Oncologia e Radiologia e l’Università di L’Avana.

Altri prodotti naturali per combattere il cancro sono stati presentati Vimang immunostimolante preparato con la corteccia del mango, scoperto da Eleuterio Páez, che era lì presente; Ferrical che fa aumentare i globuli rossi; Acitan, antiossidante fibra alimentare e una yogurt contro i disturbi alimentari, modi diversi di rafforzamento del corpo per migliorare la qualità della vita dei pazienti.

Documentato anche casi con risultati molto positivi trattati con terapia elettromagnetica, conosciuto in diverse parti dell’isola. In Mpanish to Italian translation

Il veleno del Junceus Rhopalurus una specie endemica a Cuba, è una tossina che agisce su tumori e metastasi
Gli scienziati hanno confermato in vitro e in animali ,il potenziale anticancro del veleno dello scorpione anticancro potenziale

Il team di ricerca Labiofam propone di avviare la sperimentazione clinica da estratto naturale per scoprire che l’effetto è riscontrabile in pazienti umani affetti da tumori maligni
Foto
Jose Antonio Fraga Castro, direttore del LabiofamFoto Cubadebate.cu
Clara Huacuja e Gerardo Arreola

La Jornada
Martedì 5 Ottobre 2010, p. 3

L’Avana, 4 ottobre. Una ricerca in vitro e su animali hanno confermato che il veleno dello scorpione junceus Rhopalurus, unb razza endemica di Cuba, ha proprietà anticancro, agisce contro i tumori e le metastasi e aumenta il potere di agenti chemioterapici tradizionali, riducendone il suo effetto tossico.

Il team di ricerca biofarmaceutica eil Business Group Labiofam di Cuba ha reso noto per la prima volta in pubblico alcuni risultati sperimentali dello studio svolto da circa 10 anni insieme ad altre istituzioni scientifiche della Repubblica di Cuba.

Lo scienziato Alexis Diaz, ricercatore principale della squadra, ha annunciato ad un pubblico internazionale che la tossina rappresenta una potenziale alternativa terapeutica per il trattamento della malattia neoplastica “negli esseri umani.

Diaz ha detto a La Jornada, che il salto dallo stato attuale della ricerca alla produzione di un farmaco sintetico può ancora durare anni. “Dobbiamo concentrarci su questi esperimenti, che sono stati valutate con l’estratto naturale. Ora dobbiamo verificare ciascuno dei principi attivi individuati. E ‘un compito molto complesso, anche se fatto in collaborazione con laboratori di primo piano. Inoltre, ottenuto tramite sintetizzazione , cioè l’ingegneria genetica e biotecnologia, sarebbe un prodotto che avrà un iter di registrazione di gran lunga maggiore al tempo richiesto per valutare un prodotto naturale “.

Tuttavia, lo specialista ha riferito che il team sta cercando di sperimentare clinicamente l’estratto naturale, per provare che l’effetto antitumorale possa essere confermato nei pazienti con neoplasie umane.

Le relazioni sugli studi sono stati rilasciati nel corso del primo Congresso Internazionale Labiofam 2010, che ha avuto luogo dal 28 settembre a ottobre a L’Avana, organizzato dal gruppo di business e sponsorizzato dalla Pan American Health Organization (OPS), il ministero cubano di Agricoltura, Scienze, Tecnologia e Ambiente e la sanità pubblica e Istituto di Medicina Tropicale Pedro Kourí (IPK).

Diaz ha stimato che l’autorizzazione per la sperimentazione clinica potrebbe accadere il prossimo anno. Questa decisione appartiene al corpo cubano di regolamentazione,

il Centro nazionale per il controllo dei farmaci (CECMA).

In messico si applica Welfare Foundation naturali, Yucatan, con il team creato dal Dr. Jorge Lakhovsky. Il suo direttore, Laurent Chabre, ha sottolineato l’importanza del congresso, che fornisce ai pazienti informazioni serie  in modo che possano fare le scelte migliori per affrontare il male che li affligge.