La Jornada

 I risultati della ricerca su 60 componenti identificati:  Il veleno dello scorpione cubano attacca il tumore al cervello senza danneggiare i tessuti sani

Effetti positivi in più di 10. 500 pazienti

Nel laboratorio di veleno Labiofam estrarre una copia di Rhopalurus junceus
Clara Huacuja e Gerardo Arreola

La Jornada
Martedì 5 Ottobre 2010, p. 4

L’Avana, 4 ottobre. Il team di ricerca biofarmaceutica e produzione chimicha Business Group e Labiofam a Cuba per la prima volta ha presentato pubblicamente alcuni risultati sperimentali dello studio in corso per confermare le proprietà del veleno dello scorpione Rhopalurus nella terapia del cancro.

Nel corso del primo Congresso Internazionale Labiofam 2010, il professore di scienze Alexis Diaz, specialista senior del gruppo di ricerca ha mostrato, tra le altre, le seguenti relazioni:

– Fino al 2002 aveva individuato circa 60 componenti del veleno, che a tutt’oggi si confermano 5 componenti sono cinque con un potenziale antitumorale.

– Di questi cinque, il più noto è clorotossina, peptide a basso peso molecolare, in grado di agire contro i tumori al cervello senza danneggiare i tessuti sani.

– La ricerca Labiofam seguito tre linee: a) la composizione chimica del veleno, b) le loro prestazioni in caso di applicazione di linee cellulari sani e tumorali in vitro e negli animali, e c) una combinazione di convenzionale tossina citostatici.

Proteine, peptidi e aminoacidi:

– Gli studi chimici hanno dimostrato che il veleno contiene proteine, peptidi e aminoacidi e, in misura minore di grassi, carboidrati e ioni metallici di sodio, magnesio, potassio, rame e zinco.

– L ‘attività enzimatica bassa trovata è una misura della bassa tossicità del veleno, rispetto al veleno di altre specie di scorpioni.

– Test in vitro farmacologiche, del veleno dello junceus Rhopalurus hanno causato un significativo effetto citotossico su carcinomi a cellule tumorali e adenocarcinomi. Non vi è stata alcuna reazione significativa in linee cellulari tumorali di leucemia e linfoma.

– Il veleno ha causato la divisione del DNA in ciascuna delle cellule tumorali testate, quindi si può concludere che è in grado di indurre la morte cellulare per apoptosi (contrazione e frammentazione), anche se la tossina ha ucciso anche altre cellule di cancro necrosi (lesioni improvvisa).

– Le frazioni sono stati identificati peptidi più citotossica contro le cellule tumorali.

– Il test di citotossicità stessa è stata effettuata in animali che sono stati impiantati i tumori, l’adenocarcinoma della mammella modello. Il veleno è stato applicato per via intraperitoneale per 10 giorni e hanno mostrato una relazione tra l’offerta della tossina e la progressione tumorale in ritardo, la più significativa in l’ultima dose. In un tumore primitivo del polmone, il veleno ha inibito la metastasi spontanee.

– L’inibizione della progressione del tumore è stata ottenuta in questi casi anche il veleno somministrato per via orale, ma in questo caso è stato necessario aumentare le dosi da otto a 12 volte, a causa delle difficoltà dell’attività enzimatica del tratto gastrointestinale per proteine e peptidi droga.

Selettività

– Per le due vie, il veleno ha dimostrato che può essere distribuito in tutto il corpo, quindi è in grado di agire ovunque essi si trovino i tumori primari o metastasi, ma hanno mostrato una elevata selettività verso il tessuto tumorale nei reni e polmoni.

– Il veleno è stato applicato in combinazione con agenti chemioterapici separate 5-fluorouracile e cisplatino. Rispetto alla terapia tradizionale, è stato possibile per diminuire le concentrazioni di questi farmaci citostatici per ridurre del 50 per cento la crescita cellulare e la proliferazione è stato inibito in meno tempo.

– L’associazione inoltre è stato testato su animali con il modello di carcinoma mammario, questa volta si è iscritto al veleno con ciclofosfamide e poi con cisplatino. In questi casi c’è stata una inibizione significativamente più elevata della progressione del tumore, per il semplice trattamento. Ci sono prove che il veleno è in grado di potenziare l’effetto di questi farmaci antineoplastici.

– In combinazione con cisplatino tossina, c’era una inibizione di oltre il 60 per cento della crescita tumorale rispetto alla semplice terapia. La stessa combinazione ridotto gli effetti tossici dei tradizionali antineoplastici.

Effetti positivi in più di 10. 500 pazienti
Clara Huacuja e Gerardo Arreola

La Habana, 4 ottobre

Nel corso degli ultimi otto anni, i medici del Business Group e chimico farmaceutico (Labiofam) di Cuba hanno curato 10 586 pazienti con cancro con il veleno del junceus Rhopalurus, con risultati positivi in termini di sopravvivenza e di riduzione del dolore, secondo le prime relazioni pubbliche di esperienza.

70 per cento dei pazienti trattati sono cubani e di altri stranieri, ha detto a La Jornada Niudis Dr. Cruz Zamora. In tutti i casi il prodotto è usato insieme con la terapia convenzionale per ogni paziente “, a meno che il paziente o la famiglia decide di utilizzare solo il veleno, con il consenso informato”.

Lo specialista e altri membri del gruppo ha presentato alcune delle loro osservazioni al primo Congresso Internazionale Labiofam 2010.

La Dr. Cruz ha riferito che i casi totali registrati erano per lo più le donne con cancro al seno, al polmone o della cervice, mentre la più alta incidenza negli uomini è stata la prostata, cancro del polmone e del colon.

la sfida delXX1 secolo

Nella relazione di 17 pazienti con cancro del pancreas, in tutto 60 anni, ha spiegato che questa malattia è considerata la sfida del secolo “, perché di solito è scoperta in una fase molto avanzata, cattiva prognosi e la sopravvivenza di cinque anni è inferiore al 4 per cento.

I pazienti precedentemente trattati negli ospedali cubani per cinque anni. medici Labiofam partecipato al veleno dello scorpione per un anno e valutato il dolore utilizzando una scala di quattro livelli (nessuna, minima, grave, invalidante).

L’intensità è stata ridotta dopo 12 mesi somministrando la tossine e due pazienti sono sopravvissuti a cinque anni.

Dr. Cruz ha detto in questo giornale che i casi questi ed altri rari ,riferiti al Congresso sono un esempio di sostegno alla ricerca preclinica che si sviluppa Labiofam, ma ha detto che il monitoraggio viene fatto su tutti i pazienti che vengono da quel cluster.(?)

Nella tabella intitolata status giuridico di erboristeria a Cuba, i ricercatori sono stati guidati ad accelerare i lavori per chiarire le condizioni per l’esportazione, soprattutto veleno junceus Rhopalurus, che hanno trovato presentazioni differenti nei diversi paesi, principalmente in Messico. Dr. Diadelys Ramirez, veleno ETCC ha ribadito che l’unica pienamente approvato e autorizzato dal Labiofam si ottiene in questo laboratorio, che garantisce l’autenticità.

Il veleno del Junceus Rhopalurus una specie endemica a Cuba, cè una tossina he agisce su tumori e metastasi
Gli scienziati hanno confermato in vitro e in animali ,il potenziale anticancro del veleno dello scorpione anticancro potenziale

Il team di ricerca Labiofam propone di avviare la sperimentazione clinica da estratto naturale per scoprire che l’effetto è riscontrabile in pazienti umani affetti da tumori maligni
Foto
Jose Antonio Fraga Castro, direttore del LabiofamFoto Cubadebate.cu
Clara Huacuja e Gerardo Arreola

La Jornada
Martedì 5 Ottobre 2010, p. 3

L’Avana, 4 ottobre. Una ricerca in vitro e su animali hanno confermato che il velenodello scorpione junceus Rhopalurus, endemico di Cuba, ha proprietà anticancro, agisce contro i tumori e le metastasi e aumenta il potere di agenti chemioterapici tradizionali, ce he riduce il suo effetto tossico.

Il team di ricerca biofarmaceutica di produzione Business Group e chimiche (Labiofam) di Cuba ha introdotto per la prima volta in pubblico alcuni risultati sperimentali dello studio svolto da circa 10 anni insieme ad altre istituzioni scientifiche dell’isola.

Lo scienziato Alexis Diaz, ricercatore principale della squadra, ha annunciato ad un pubblico internazionale che la tossina rappresenta una potenziale alternativa terapeutica per il trattamento della malattia neoplastica “negli esseri umani.

Poi, Diaz ha detto a La Jornada, che il salto dallo stato attuale della ricerca sulla produzione di un farmaco ancora durare anni. “Dobbiamo giocare a questi stessi esperimenti, che sono state valutate con l’estratto naturale. Ora dobbiamo valutare ciascuno dei principi attivi individuati. E ‘un compito molto complesso, anche se fatto in collaborazione con laboratori di primo piano. Inoltre, ottenuto tramite sintetici, cioè, l’ingegneria genetica e biotecnologia, sarebbe un prodotto che avrà regolamento di gran lunga maggiore che richiede un prodotto naturale “.

Tuttavia, lo specialista ha riferito che il team ha proposto una sperimentazione clinica dal estratto naturale, per trovare che l’effetto antitumorale è confermato nei pazienti con neoplasie umane.

Le relazioni sugli studi sono stati rilasciati nel corso del primo Congresso Internazionale Labiofam 2010, che ha avuto luogo dal 28 settembre a ottobre prima a L’Avana, organizzato dal gruppo di business e sponsorizzato dalla Pan American Health Organization (OPS), la ministeri cubani di Agricoltura, Scienze, Tecnologia e Ambiente e la sanità pubblica e Istituto di Medicina Tropicale Pedro Kourí (IPK).

Diaz ha stimato che l’autorizzazione per la sperimentazione clinica potrebbe accadere il prossimo anno. Questa decisione appartiene al corpo cubano di regolamentazione, il Centro nazionale per il controllo della droga (CECMA).

Durante la conferenza, è insorta una controversia circa l’opportunità di utilizzare il test dell’intera veleno o lavorare con alcuni dei componenti identificati con effetti anti-cancro.

Diaz ha detto che il team lavora con tutto il veleno “, che ha una componente analgesico potente come l’anti-tumorale e anti-infiammatori e in pratica è difficile combinare ciò che è già unito dalla natura”.

Oltre a condurre la ricerca, la Labiofam consegna gratuitamente il veleno diluito malati di cancro che ne fanno richiesta, a causa delle notizie diffuse che sono nellla letteratura sugli effetti della tossina nel miglioramento della qualità della vita dei pazienti.

Anche se l’allevamento di animali Labiofam ha la sua produzione è insufficiente a soddisfare la domanda spontanea, ha detto al Congresso il direttore del consorzio del governo, Jose Antonio Fraga Castro. “L’unico modo per la fornitura e rispondere a tale domanda con la produzione industriale”.

L’azione antitumorale è stata una nuova linea di lavoro nel corso dell’inchiesta, dopo aver confermato le proprietà analgesiche e anti-infiammatorie del veleno.

La tossina di questa specie è usata nella medicina tradizionale a Cuba per due secoli, ma la sua applicazione antineoplastici iniziato circa 20 anni nella provincia orientale di Guantanamo, guidata dal compianto biologo Misael Bordier.

L’inchiesta ha coinvolto anche le IPK, l’Istituto Nazionale di Oncologia e Radiologia e l’Università di L’Avana.

Altri prodotti naturali per combattere il cancro sono stati presentati Vimang immunostimolante preparato con la corteccia del mango, scoperto da Eleuterio Páez, che era lì presente; Ferrical che fa aumentare i globuli rossi; Acito, antiossidante fibra alimentare e una yogurt contro i disturbi alimentari, modi diversi di rafforzamento del corpo per migliorare la qualità della vita dei pazienti.

Documentato anche casi con risultati molto positivi trattati con terapia elettromagnetica, conosciuto in diverse parti dell’isola. In Messico si applica Welfare Foundation naturali, Yucatan, con il team creato dal Dr. Jorge Lakhovsky. Il suo direttore, Laurent Chabre, ha sottolineato l’importanza del congresso, che fornisce ai pazienti informazioni serio e prolungato in modo che possano fare le scelte migliori per affrontare il male che affligge.